LA CUCINA

Quella del Buon Padre è una cucina stagionale. I Piatti e le materie prime cambiano con lo scorrere delle stagioni.
Claudio Viberti
Marco in cucina grazie alla spesa giornaliera offre sempre un menu che rispetta il territorio, i suoi prodotti e la loro disponibilità. Il suo estro creativo ha sempre una chiave di rivisitazione e freschezza in tutti i suoi piatti. Il Menù è in continua evoluzione sebbene i punti cardini del Buon Padre rimangono sempre presenti, come i Tajarin e il Guanciale stracotto al barolo.
L’espressione più alta la si ha probabilmente con l’autunno dove la selvaggina, i funghi, i brasati e la fonduta sono alcuni dei piatti principe di questa stagione, arrivando al Tartufo Bianco, l’indiscusso Re della tavola in questo periodo autunno-invernale.

Il Tajarin

Il Tajarin è senza dubbio la specialità del Buon Padre. Un simbolo, una certezza che da anni contraddistingue il ricordo di tutti coloro che ci vengono a trovare. Con l’insegnamento di Maria e l’attenta supervisione, il taglio al coltello di questa pasta è diventato un “cliquet” fondamentale per la personalità del ristorante, che lo rendono ormai inconfondibile.